CHI SIAMO

L’Asilo Patronato d’Infanzia “Sacro Cuore” nasce a Passignano nel 1922 ad opera di alcune persone lungimiranti e di buona volontà che volevano sostenere le famiglie nell’educazione dei propri figli e garantire loro un’infanzia serena.

Determinante è stata la tenacia di don Nazzareno Tabarrini nel sostenere l’Ente morale, che senza fini di lucro, ha reso possibile la realizzazione di questo sogno, grazie, anche, alla generosità del Marchese dott. Antonio Marini Clarelli e del Vescovo Giovan Battista Rosa nel porre le basi per l’insediamento dell’Asilo.

Siamo arrivati, così, fino ad oggi, attraverso gli anni tumultuosi della guerra e poi del boom economico, sostenuti dalla fiducia e disponibilità di tanti passignanesi e parrocchiani generosi e al contempo premurosi per questa nostra realtà.

L’attuale edificio è stato ristrutturato nel 1998, nel rispetto della normativa vigente.

Nell’anno scolastico 2002/2003 la Scuola dell’infanzia ha ottenuto la parità scolastica, riconoscimento volto ad attestare che l’insegnamento è improntato ai principi di libertà stabiliti dalla Costituzione repubblicana e che si attiene all’ordinamento scolastico nazionale. Alla scuola dell’infanzia si sono aggiunti, nel tempo, la sezione integrata (sezione primavera) ed il Nido d’Infanzia.

Il Nido d’Infanzia è un servizio socio-educativo volto a favorire la crescita dei bambini fino a tre anni e ad appoggiare la famiglia nei suoi compiti di educazione e cura del bambino. L’obiettivo del servizio è favorire ed incentivare la socializzazione, la crescita emotiva e cognitiva del bambino nel rispetto delle varie fasi e dei ritmi personali di sviluppo, all’interno di un ambiente sereno ed idoneo.

Dall’anno scolastico 2015/2016 la gestione dell’Asilo Patronato d’Infanzia “Sacro Cuore” è stata affidata  alla “Walking società cooperativa sociale”, con sede a Perugia, già impegnata nella direzione di altre scuole paritarie e servizi per la prima infanzia.

L’Istituto, quindi, prosegue oggi una lunga tradizione educativa che continua nel desiderio di genitori e insegnanti di costruire un luogo che interagisca con il contesto culturale e che sia portatore di quella concezione della vita che ha origine nell’esperienza vissuta.

Questo desiderio intendiamo portarlo avanti con impegno costante e duraturo. Non intendiamo cambiare nulla dei nobili propositi con cui l’asilo ha posto le sue radici, vogliamo accompagnarlo e rinnovarlo affinché i bambini possano avvalersi delle cure e delle proposte educative necessarie a stimolare i futuri alunni della scuola primaria. Attraverso don Nazzareno Tabarrini, don Nello Pulcini, don Carlo Minchiatti, don Gaetano Piastrini e don Pierluigi Rosa, questo Asilo ha “compiuto” quasi 95 anni ed ora, è nostro compito traghettare quest’istituzione attraverso il secolo e consegnarla alle famiglie, legittime proprietarie del bene comune.